Il veleno nel piatto

I pesticidi utilizzati in agricoltura sono correlati all’insorgere di tumori e patologie gravi. È ora di cambiare, e tornare ad un’agricoltura rispettosa della terra e dell’uomo. Torniamo in cucina e mangiamo cibo vero, senza veleni, prediligendo frutta e verdura provenienti da coltivazioni biologiche.

I rischi dei contadini

Che i veleni dell’agricoltura, pesticidi e erbicidi, siano veleni anche per l’uomo è noto da tempo. I contadini che li utilizzano si ammalano di più di cancro e di malattie neurologiche e anche i figli dei contadini si ammalano di più, di cancro e di malformazioni congenite.

I disturbi neurologici includono il morbo di Parkinson, di cui sono responsabili soprattutto il diserbante Paraquat, l’erbicida Maneb, l’insetticida Rotenone e gli organoclorurati, i disturbi neuropsichiatrici e la polineuropatia da organofosforici, le convulsioni da gas nervini, studiati per la guerra chimica e oggi usati come insetticidi, erbicidi e antiparassitari.  

C’è il sospetto che l’esposizione a pesticidi alteri lo sviluppo del cervello dei bambini. L’esposizione prenatale o infantile è fortemente sospettata di essere una causa dell’autismo. Un grande studio condotto in California ha confrontato 2961 persone con diagnosi di autismo e 35.370 controlli (cioè persone in salute dello stesso sesso ed età) in rapporto alle quantità di 11 pesticidi sparsi nei due chilometri di superficie attorno alla residenza della madre in gravidanza e nei primi anni di vita del bambino. 

Tutti i pesticidi sono risultati sospetti, ma una correlazione particolarmente forte è stata riscontrata per l’esposizione a glifosato e avermectina.

I pesticidi e il cancro

L’esposizione della madre a pesticidi per lavori agricoli è stata associata anche a un maggior rischio, dell’ordine del 30% in più, di malformazioni urogenitali nei figli maschi (ipospadia). 

I contadini esposti a pesticidi si ammalano di più di cancro, soprattutto di linfomi non-Hodgkin di mielomi e di cancro della prostata, ma anche tumori dell’ovaio, del rene e della vescica, sarcomi dei tessuti molli, leucemie e tumori cerebrali (questi ultimi anche nei bambini figli di contadini esposti).  I tumori che aumentano di più nei contadini, i linfomi non-Hodgkin, sono stati associati ad erbicidi (fenossiacidi e  glifosato) e agli insetticidi organo clorurati e organofosforici.  

Fino a pochi anni fa non si sapeva quanto le piccole tracce di pesticidi che rimangono sui cibi che consumiamo danneggiano la salute. 

Gli studi sul cibo biologico

All’inizio degli anni ’90, quando abbiamo reclutato 500.000 persone per il progetto EPIC, pochissime persone mangiavano biologico e non avrebbe avuto molto senso includere domande sul biologico nei questionari alimentari. Oggi però gli studi si possono fare, perché il biologico è cresciuto molto e circa il 10-20% della gente mangia prevalentemente biologico. 

Il primo studio, condotto in Francia, ha reclutato attraverso il web 100.000 persone che periodicamente compilano un diario di quel che hanno mangiato nella giornata, segnando anche la marca dei prodotti e se erano biologici o meno.  Dopo 4 anni i risultati sono stati clamorosi: 25% di cancro in meno in chi mangia bio, ma per i linfomi non-Hodgkin, i tumori che aumentano di più negli esposti professionalmente a pesticidi, la protezione è dell’84%.

I pesticidi annullano i benefici di frutta e verdura

Un secondo studio, condotto negli Stati Uniti sui lavoratori del comparto della sanità (137.000 donne e 23.000 uomini), ha utilizzato le statistiche del Ministero dell’Agricoltura sul contenuto di pesticidi dei vari ortaggi e frutti nei vari anni e nelle varie stagioni per classificare i questionari alimentari dei partecipanti in funzione del numero di porzioni consumate di frutta e verdura presumibilmente molto contaminata e del numero di porzioni di frutta e verdura presumibilmente poco contaminata. 

Globalmente, il consumo di frutta è risultato protettivo, ma non il consumo di frutta contaminata. 

All’aumentare del consumo di frutta e verdure non o poco contaminate, invece, la mortalità totale si riduce del 36% (per 4 o più porzioni al giorno), la mortalità cardiovascolare del 30%, per cancro del 19%, per malattie respiratorie del 38%, per altre cause di morte del 44%. 

Insomma, i pesticidi ci privano del beneficio di frutta e verdura per la nostra salute. 

La soluzione: il cibo biologico

È ora di cambiare, e tornare ad un’agricoltura rispettosa della terra e dell’uomo. E non dare retta ai negazionisti, ai mistificatori che ancor oggi sostengono la favola che senza pesticidi non si potrebbe sfamare il mondo, e ai disfattisti che dicono che tanto non si può cambiare, che anche il biologico è contaminato (certamente possibile ma molto molto meno del convenzionale), che è cibo per ricchi, per snob.  

Certamente il biologico costa di più del cibo convenzionale, ma se evitiamo i cibi lavorati, i cibi pronti, e compriamo i cibi da cucinare (cereali e farine integrali, legumi, frutta e verdura di stagione e di prossimità, olio, caffè … e occasionalmente un cibo animale) il costo è modesto. 

Ho fatto un esperimento comprando per 15 giorni solo cibo da cucinare nel negozio di NaturaSì che si trova sotto casa in centro a Milano, città in cui i prezzi non sono certo economici.

Tenendo conto del costo del cibo che già avevo in casa, ho acquistato prodotti per colazione, pranzo, cena e qualche spuntino e ho speso 5 euro al giorno.

Torniamo in cucina e mangiamo cibo vero, senza veleni.

Cuciniamo per i nostri bambini! Non lasciamoli in balia di un’agricoltura industriale e di
un’industria alimentare senza scrupoli!

Dott. Franco Berrino
Presidente Associazione La Grande Via

Per maggiori informazioni o per iscriverti ad uno dei prossimi appuntamenti, vai alla pagina Contatti.

Per maggiori informazioni o per iscriverti ad uno dei prossimi appuntamenti, vai alla pagina Contatti.

Vuoi partecipare a uno dei prossimi seminari?

Compila il modulo di richiesta oppure scrivi una mail a info@lagrandevia.it.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo

Iscriviti alla newsletter

riceverai tutti gli aggiornamenti sul progetto
"Generazione Oro: la via della longevità felice"

Iscriviti alla newsletter

riceverai tutti gli aggiornamenti sul progetto
"Generazione Oro: la via della longevità felice"

Altri articoli

longevità

Pranziamo con tutti i sensi

Quanto siamo presenti nel momento dei pasti? Siamo distratti dalla televisione, dal cellulare oppure siamo connessi con il cibo che stiamo mangiando e che ci sta nutrendo?

Leggi l'articolo »

Vuoi ricevere informazioni sui prossimi seminari "Longevità felice"?

Scopri il nostro programma di eventi in presenza